A tre anni dalla scomparsa di Riccardo Terzi, sindacalista per ambizione

” Dobbiamo  saper  affrontare  le  nuove  emergenze sociali:  l’invecchiamento  della società,  la  precarizzazione del  lavoro, l’ondata migratoria.  Ciò richiede un  nuovo  e più forte  sistema  di welfare, per  mettere il più  possibile  al riparo la nostra  società  dalle turbolenze  e dalle incertezze dell’economia di mercato e della globalizzazione.  È su  questo  terreno che si misura  la  qualità  e la civiltà del nostro ordinamento sociale, la sua capacità di inclusione e di universalizzazione  dei diritti, e il principio di eguaglianza resta il  cardine su cui costruire  una società  più umana  e più giusta.  È in  questo  impegnativo orizzonte culturale  che  si devono collocare  tutte le  nostre  iniziative, con  uno sforzo  straordinario di mobilitazione civile e democratica”TERZI