Cosa facciamo

La CGIL svolge un’azione di rappresentanza e tutela generale del mondo del lavoro, dei pensionati e di tutti coloro che si rivolgono al suo Sistema dei Servizi, coerentemente ai principi statutari. Questa si esplica attraverso una azione di tutela collettiva attuata attraverso la contrattazione e la negoziazione – confederale e di categoria – a livello nazionale, territoriale e aziendale. La tutela individuale si esercita attraverso l’azione del Sindacato in azienda e attraverso l’intervento dei Servizi, confederali e di categoria.

La tutela collettiva
Tra le principali attività negoziali, contrattuali e di rappresentanza svolte nell’ambito della tutela collettiva, ricordiamo:

– Gli accordi e le intese interconfederali nazionali
I temi di interesse generale che riguardano le condizioni dell’insieme dei lavoratori e dei cittadini italiani, lo Stato sociale e lo sviluppo e l’economia del Paese vengono definiti a livello nazionale in accordi stipulati fra i sindacati confederali nazionali, il sistema delle imprese e il Governo (Legge Finanziaria, Previdenza, Fisco, Mercato del lavoro, Formazione, ecc).

– Il CCNL (Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro contrattazione di primo livello)
Il CCNL (Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro) costituisce l’insieme delle norme che, assieme alla legislazione, regolano il rapporto di lavoro sul piano normativo e retributivo, valido su tutto il territorio nazionale.
Esso costituisce il principale strumento di solidarietà tra i lavoratori di una Categoria, stabilendo i diritti e le condizioni minime, salariali e normative di tutela per tutti i lavoratori iscritti e non iscritti (retribuzione, inquadramento professionale, orario di lavoro, ferie e permessi, ecc.).
– La contrattazione di secondo livello o integrativa: aziendale e territoriale di categoria
La contrattazione integrativa, aggiuntiva al Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro, è l’insieme delle norme che regolano il rapporto di lavoro a livello aziendale o territoriale su materie normative, retributive e dell’organizzazione del lavoro in azienda.
– La contrattazione territoriale e la negoziazione sociale
La contrattazione territoriale è l’insieme degli accordi stipulati a livello territoriale fra sindacato, imprese e istituzioni locali su materie d’interesse generale che riguardano l’insieme dei lavoratori-cittadini (ad esempio i trasporti, la sanità, l’assistenza, la tassazione locale, la formazione professionale, ecc.).Per sua natura coinvolge insieme la Confederazione e le Categorie. Lo SPI, tramite le sue leghe, svolge un ruolo centrale di negoziazione sociale sul territorio per orientare meglio i servizi erogati dalle autonomie locali e dalle aziende socio-sanitarie e assistenziali alle esigenze della popolazione locale.

La tutela individuale
La CdLM di Milano offre risposte ai molteplici bisogni di tutela individuale della persona attraverso un insieme di servizi, tra loro coordinati, decentrati nel territorio al fine di dare informazione, aiuto, assistenza, tutela.
I Servizi hanno il compito di realizzare un’efficace tutela dei diritti individuali, raccordandola con le strategie proprie della Confederazione e con quelle definite dalle Categorie.
Anche al fine di realizzare l’obiettivo inclusivo che vede nella proposta associativa un valore fondante della nostra azione, l’attività dei Servizi è destinata in via prioritaria – laddove non sussistano specifiche previsioni di legge – agli associati attraverso modalità proprie di ciascun Servizio (titolo gratuito, corresponsione di contributo ridotto, accesso prioritario, ecc.).
La tutela individuale – ossia la difesa e la promozione dei diritti del singolo lavoratore, pensionato o cittadino – costituisce un ambito di azione della Camera del Lavoro di Milano centrale e strategico al pari della rappresentanza collettiva. L’impegno nella tutela individuale risponde infatti ad una funzione storica della CGIL, complementare a quella contrattuale. La tutela individuale si esplica in un’attività di consulenza e assistenza, nell’affermazione e nella difesa di diritti di natura legale o contrattuale, nel facilitare il godimento di benefici e provvidenze fiscali, sociali, previdenziali ecc., oltre che nel rendere accessibili tutti quei diritti che potremmo definire come diritti di cittadinanza (ad esempio, l’accesso ai servizi socio-sanitari, assistenziali, ai trasporti ecc.).
L’impegno per sviluppare l’attività di presidio della tutela individuale ha consentito di intercettare meglio i bisogni e le attese dei singoli lavoratori non ancora recepiti appieno dalla contrattazione collettiva, individuando così nuovi temi per la contrattazione e nuovi ambiti di intervento.
La relazione individuale di assistenza e tutela inoltre trova il suo pieno compimento nella misura in cui diviene il punto di partenza per coinvolgere la persona nella vita e nelle politiche della CGIL, riconducendo la sua esperienza individuale all’interno di una dimensione più ampia di partecipazione e solidarietà collettiva.
Quindi il ruolo dei Servizi della Camera del Lavoro di Milano non si esaurisce nella risposta ai bisogni individuali, ma è parte di un sistema in cui la domanda individuale, mediata attraverso i principi fondanti della nostra Organizzazione, si traduce in una strategia complessiva che impegna tutto il nostro Sindacato.

LA CARTA DEI SERVIZI 2015
Parte_1
Parte_2