INCA: Ammortizzatori sociali

Gli ammortizzatori sociali sono un complesso di misure e prestazioni a sostegno del reddito dei lavoratori che si trovano nella condizione di disoccupati o sospesi dal lavoro. L’INCA assiste gratuitamente i lavoratori in tale condizione, in tutte le fasi, al fine di ottenere la prestazione che spetta di diritto, dall’assistenza alla compilazione della modulistica fino all’assistenza in fase di contenzioso.

NASPI – Nuova Assicurazione Sociale Per l’Impiego.

Hanno diritto alla Naspi tutti i lavoratori dipendenti privati (compresi gli apprendisti, ma salvo i lavoratori agricoli) che abbiano perso il lavoro involontariamente e i lavoratori delle pubbliche amministrazioni con contratto a tempo determinato.

Requisiti:

  1. stato di disoccupazione involontario;
  2. almeno 13 settimane di contribuzione da lavoro dipendente nei quattro anni precedenti la cessazione del rapporto di lavoro;
  3. almeno 30 giornate di effettivo lavoro nell’anno solare precedente la cessazione.

Stato di disoccupazione involontaria:

Lo stato di disoccupazione involontaria può essere determinato da:

  1. licenziamento;
  2. dimissioni per giusta causa (mancato pagamento delle retribuzioni, molestie sessuali su luogo di lavoro, mobbing,…);
  3. dimissioni durante il periodo protetto di maternità (da 300 giorni prima della data presunta del parto al compimenti di un anno di età del figlio);
  4. risoluzione consensuale a seguito di procedura obbligatoria di conciliazione di fonte alla Direzione Territoriale del Lavoro (procedura obbligatoria di conciliazione prevista dall’art. 7 l. 604/1996 come mod. dall’art. 1 c. 40 l. 92/2012)
  5. risoluzione consensuale a seguito di rifiuto di proposta di trasferimento del luogo di lavoro oltre 50 km o 80 minuti con i mezzi pubblici dalla residenza dal lavoratore.

Domanda: la domanda di Naspi va inoltrata all’Inps in via telematica entro 68 gg. dalla data di cessazione del rapporto di lavoro pena la decadenza.

Misura: la Naspi sarà il 75% della propria retribuzione media degli ultimi quattro anni. L’indennità verrà ridotta progressivamente mese per mese del 3% a partire dal primo giorno del quarto mese di fruizione.

Durata: la prestazione dura per un periodo pari alla metà delle settimane lavorate negli ultimi quattro anni escludendo dal computo le settimane che hanno già dato diritto ad un’altra Naspi.

 

DIS-COLL

Dal 1°luglio 2017 l’indennità è riconosciuta anche agli assegnisti di ricerca, i dottorandi e i titolari di borsa di studio.

 

Per richiedere la Naspi scarica e compila Modello SR163 prima di venire da noi.