Servizio Vertenze Legali: Mobbing

Sempre più spesso il termine “mobbing” viene utilizzato per definire situazioni di disagio lavorativo.
Dal punto di vista giuridico, nel contesto italiano non esiste una definizione normativa di mobbing, bensì un orientamento giurisprudenziale che utilizza alcuni parametri di valutazione (durata del comportamento, tipologia delle azioni, dislivello tra gli antagonisti, andamento delle fasi che si susseguono, intento persecutorio) per identificarne la sussistenza.

E’ più probabile, oltre che più facilmente rinvenibile sotto un aspetto strettamente giuridico, incorrere in situazioni di dequalificazione, di trasferimenti con fini ritorsivi, di accanimento disciplinare o altre situazioni lavorative di disagio e conflitto quali lo stress occupazionale.

In ogni caso, se ritieni di essere vittima di abusi o pressioni psicologiche sul posto di lavoro, puoi contattare la nostra struttura che si occupa del problema specifico: lo Sportello Mobbing dell’Ufficio Politiche Sociali che, insieme all’Ufficio Vertenze Legali, provvederà a darti tutto il sostegno necessario (sindacale, psicologico, legale).

Quando vieni ricorda di portare con te la documentazione relativa al rapporto di lavoro (lettera di assunzione – buste paga oltre che a tutta l’eventuale documentazione relativa a trasferimenti, modifica delle mansioni, provvedimenti disciplinari).
Ti consigliamo, inoltre, di preparare una relazione dettagliata che descriva gli episodi più salienti riconducibili alla situazione, così da facilitare il compito dei nostri operatori.