martedì, Luglio 5, 2022
Banner Top

L’accordo firmato ieri da CGIL CISL e UIL ed il Comune di Milano per i lavoratori occupati sull’appalto dell’accoglienza dei musei e delle biblioteche cittadine applica in termini concreti e attuali il protocollo sugli appalti firmato nel 2021, che si conferma come uno strumento indispensabile per garantire lavoro di qualità. 

L’intesa è stata frutto di un lavoro dei sindacati confederali di concerto con le Direzioni interessate che hanno saputo dare seguito ai principi concordati con l’Amministrazione. 

Rappresenta un importantissimo risultato perchè stabilisce alcuni elementi precisi e fondamentali rispetto alla tutela dei lavoratori che la documentazione di gara del prossimo appalto dovrà contenere: prima fra tutti, la continuità dell’occupazione degli attuali addetti e del loro monte orario, comprendendo nel quadro di tutele anche i lavoratori a chiamata; l’applicazione del CCNL di settore e la previsione che il costo della manodopera non potrà essere ribassabile in sede di offerta.

Vale a dire che che la prossima gara d’appalto non si giocherà sugli stipendi dei lavoratori ma agevolerà un’autentica concorrenza sulla qualità, a beneficio del servizio per i cittadini e per i fruitori del patrimonio culturale di Milano.

Si tratta di principi che portano un avanzamento, poiché la non ribassabilità del costo del lavoro è un elemento di tutela sostanziale soprattutto per gli appalti ad alta intensità di manodopera come quello dei Musei cittadini.

Banner Content
Tags: , , , ,

Related Article

0 Comments

Leave a Comment